domenica 19 giugno 2011

LA CAROTA

Ze na roba a tuti nota
quanto ben che fa la carota!
Sta raìsa longa e dura,
sta regina de la verdura
fata a fete opur a tochi
la rifiuta proprio in pochi.
I so usi (i ze miliardi)
imparar no ze mai tardi:
se ti ga na gamba rota
fate impachi de carota;
se el cavalo più no trota
fa ch'el magna na carota;
se to suocera ze sota
daghe brodo de carota;
se ti ga ciapà na bota
usa unguento de carota;
col cagoto po', tien nota,
ze importante la carota. . .
Gastu proprio ben capìo?
No par boca. . . par dadrìo

Eco. . . l'uso principale
el ze proprio quelo anale:
le signore o signorine
le se compra carotine.
"Per la dieta" dize lore. . .
ma po' dopo, bionde o more
no le mete più nel brodo,
ma le usa in altro modo.

Un me amigo ga un problema:
una pansa che ghe trema
e, più soto, na rovina
ghe ze solo na carotina!
Più che cresse quela de sora,
manco staltra ghe vien fora.

Co sto afano e sto dolor
va el meschino dal dotor,
che ghe scrive ne la nota:
"Dopo i pasti una carota.
Se continuano le bue,
se ne prenda pure due."
"Ghe ne fasso un bel brodeto?"
ghe domanda el poareto.
"Quale brodo, per San Pietro!
Se le metta nel di dietro"
"Con un po' di vaselina?"
"Col sabion, sera e matina."

Poro gramo. . . el ga ubidìo. . .
el s'ha fato un bel dadrìo
e par far calar la pansa
ga imparà sta bruta usansa.

MORALE
Oh che bone, crue o cote,
oh che ben che fa e carote!

2 Commenti:

Alle 19 giugno 2011 05:27 , Blogger Sergio ha detto...

Questo commento è stato eliminato dall'autore.

 
Alle 19 giugno 2011 05:28 , Blogger Sergio ha detto...

... e come la mettiamo con ... "l'eschirechia coli"???

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page